biblioteca degli alberi

La città di Milano ha una nuova biblioteca, unica però nel suo genere, la biblioteca degli alberi. E’ stata inaugurata lo scorso 27 ottobre, e va ad aggiungersi agli innumerevoli interventi urbanistici che negli ultimi anni stanno rivoluzionando in meglio l’aspetto estetico della nostra metropoli. La firma del progetto porta il nome dell’architetto paesaggista olandese Petra Blaisse, dello studio Inside Outside. E non è tutto, alla realizzazione della biblioteca degli alberi ha collaborato anche un altro nome famosissimo, parliamo di Piet Oudolf, già autore della High Line di New York e considerato tra i più grandi paesaggisti del mondo.

Un’isola verde  futuristica

Il risultato è un futuristico spazio verde di quasi 10 ettari, il terzo per estensione tra i parchi del centro di Milano. Di più esteso ci sono soltanto il Parco Sempione e i giardini Montanelli. Se vi state chiedendo in cosa consiste la biblioteca degli alberi, proviamo a spiegarvela. Ma sia chiaro, l’unico vero modo per apprezzarla in pieno è visitarla di persona ed assaporarne l’essenza unica. Non vi sembrerà nemmeno di essere in pieno centro di Milano. Il contesto e la zona sono quelli di Porta Nuova, e questo originale parco farà da raccordo tra la bellissima piazza Gae Aulenti, già oggetto di un’avveniristica ristrutturazione da poco ultimata, e il quartiere Isola. All’interno troverete delle “foreste circolari”, ossia delle micro-aree in cui gli alberi sono disposti a cerchio per isolarci dal trambusto urbano e creare un ambiente rilassante.

Le specie vegetali che popolano la biblioteca degli alberi poi sono innumerevoli. Andiamo dalle querce rosse alle betulle, dai cedri del Libano ai peri a foglia di salice e tantissime altre (si contano oltre 100 specie diverse). Ma non abbiate paura di perdervi qualche nome. Li troverete tutti incisi sul lastrico pedonale, insieme a frasi, versi e curiosità botaniche. Tanto per aggiungere un valore didattico alla vostra rilassante passeggiata nel cuore di Milano. E se è buio? Potrete visitarla comunque, in quanto per scelta, non è stata dotata di recinzioni, in modo da dare un senso di continuità con l’ambiente urbano, e l’illuminazione splendidamente curata nei dettagli.

Biblioteca degli alberi in cifre

Infine vi diamo qualche cifra per farvi meglio capire l’unicità di questo innovativo parco. La sua realizzazione è costata 14 milioni di euro. All’interno troverete circa 500 alberi, oltre 135.000 piante di 100 specie diverse e 22 foreste circolari. E poi, ancora, spazi attrezzati come parco giochi per bimbi disabili, orti didattici, giochi di acqua e molto altro. Insomma, non ci sono scuse per non visitare la biblioteca degli alberi, un parco unico nel suo genere che vi stupirà e vi farà innamorare ancora un pochino di più di Milano, una delle più belle ed innovative metropoli del mondo (e se stai cercando casa… parti da questo link).